L’ARTE COME GRAMMATICA DELLA VISIONE


La fotografia e, più in generale, l’arte come capacità di creare nuovi e inaspettati “modi di vedere”: una grammatica per interpretare quello che è ancora invisibile e inesplorato, aprendo inediti percorsi di conoscenza.

Il nostro impegno per la promozione dell’arte vuole essere soprattutto questo: l’opportunità di connettere diversi linguaggi e sistemi di sapere – economici, sociali, culturali – attraverso una visione che supera l’orizzonte del presente per anticipare sorprendenti possibilità di futuro.

Una capacità di visione multidisciplinare che rappresenta il valore aggiunto fondamentale del nostro lavoro per rispondere alle esigenze di chi deve affrontare il cambiamento e dare senso, forma e sostanza a sempre più complesse strategie di valore.

La divisione Tosetti Value per l’Arte è l’osservatorio di cui il Family office si serve per favorire le basi culturali indispensabili ad un collezionismo consapevole. Attraverso una rete integrata di diverse competenze si pone come filtro per offrire ai propri clienti un’assistenza qualificata per la creazione, valorizzazione e il mantenimento nel corso generazionale delle proprie collezioni.

Per l’Arte imposta le proprie attività non come una semplice finestra sull’arte quanto come un filtro mediante il quale offrire e addizionare una visione laterale alle tematiche economiche e geopolitiche analizzate giornalmente dalla Tosetti Value.

PROSPETTIVE

PER UNA COLLEZIONE CONDIVISA


Prospettive è un progetto sulla fotografia contemporanea curato da Tosetti Value per l’Arte con l’obiettivo di dilatare il campo prospettico sulla realtà in sinergia con la natura economico finanziaria del Family office.

FORMAZIONE

UN PROGETTO PER UN COLLEZIONISMO CONSAPEVOLE


La divisione per l’Arte applica e integra il modello di formazione specifico e trasversale del Family office, creando appositi corsi di approfondimento personalizzati sulla fotografia e l’arte contemporanea in collaborazione con esperti autorevoli selezionati sulle specifiche necessità del cliente.

Insegnandoci un nuovo codice visivo, le fotografie
ampliano le nostre nozioni di ciò che val la pena guardare
Sono una grammatica e, cosa ancor più importante, un’etica della visione.

Susan Sontag

Un percorso per scrittura e immagini realizzato a quattro mani dal critico d’arte Luca Beatrice e dall’economista Giuseppe Berta per raccontare la relazione tra il mondo dell’arte e quello dell’economia

NEWS & EVENTS


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER